In Puglia, storie di volti e case di canapa

Messapia Style ha dà il via a un evento tutto “naturale” che ha il volto della speranza e della dignità.
Tra le mura della casa in canapa, verrà presentato il libro fotografico “I volti della canapa”, un lungo viaggio attraverso le storie di 15 persone che provano a combattere quotidianamente le loro patologie con l’utilizzo della cannabis terapeutica in Italia.
Le esperienze dei pazienti vengono descritte attraverso bellissimi ritratti e immagini di vita quotidiana affinché il lettore possa conoscere meglio una pianta dalle mille risorse e dai tanti infondati pregiudizi.

Una casa di canapa affollata, che prevede gli interventi di Lucia Spiri, una delle pazienti presenti nel libro, insieme al Dott. Giovanni Caggia, specialista in neurologia e terapia del dolore, al Dott. Vito Greco, farmacista galenista presso la Farmacia Tundo di Alliste e all’avvocato Maria Pia Scarciglia.
Al termine della presentazione “Vivere la Canapa” offrirà un gustoso aperitivo a base di prodotti di canapa.


Cannabis curativa, a fare danno sono i pregiudizi

Su Rassegna.it si parla de “I volti della canapa”

“Nessuna autorità scientifica ha mai evidenziato effetti così tossici da vietarne l’uso ai fini terapeutici. Ma in Italia procurarsela è ancora un’impresa difficilissima. Ecco le storie di chi, di fronte a certi muri, deve lottare per il diritto alla cura, raccontate nel libro “I volti della canapa

“I volti della canapa” (Crowdbooks 2019) è il recente libro di Maria Novella De Luca, fotoreporter “emozionale” che ha raccolto testimonianze scritte e fotografiche e catturato sensazioni di chi lotta per il diritto alla cura. Attraverso interventi di medici, farmacisti e specialisti, il lettore viene introdotto dapprima nella realtà scientifica per poi scendere, accompagnato per mano, nella delicata sfera personale delle patologie e dei pazienti. Un reportage dalle tinte umane e profonde”.

Leggi tutto l’articolo su Rassegna.it


“I volti della canapa” a Eroica Festival – Castro dei Volsci

La locanda dei libri e degli autori è un luogo magico e incantato, che Sabato 29 Giugno accoglierà anche me e I volti della canapa nella bellissima cornice di Castro dei Volsci. Tre giorni di incontri e dibattiti per promuovere le potenzialità economiche del nostro territorio.
Vi aspetto con il mio libro a Eroica Festival, Agricoltura e Turismo Rurale 
28-29-30 Giugno 
Castro dei Volsci
Sabato alle 19 aperitivo con tutti gli autori presenti!!!


I volti della canapa: il libro che racconta della terapia tabù

I Volti della Canapa è un libro di Maria Novella de Luca e vogliamo parlarvene perché in Italia questo argomento è ancora Tabù. A cosa serve la canapa? Può servire anche a curarsi? E come?
Bisogna raccontare, come si fa nel libro, di quelle persone che non possono continuare a lottare da sole. Di chi non ha aiuti o dosi sufficienti.
Non è certo un punto di arrivo, forse di partenza sì.

Di seguito il link integrale dell’articolo: https://bit.ly/2YTJchn



Cannabis per curarsi, le storie dietro una terapia che in Italia è tabù

“Al centro del libro di Maria Novella De Luca, “I volti della canapa” storie di pazienti che hanno sperimentato gli effetti positivi di questo genere di terapia che nel nostro paese è ancora considerata un tabù”.

Questo un estratto dell’articolo che Il Messaggero ha dedicato a “I volti della canapa” visibile in versione integrale a questo link:https://bit.ly/2LacKTQ



Dalla prefazione al libro “I volti della canapa”

“Perché un libro fotografico? È stata la prima domanda che mi ha rivolto Marco, il photoeditor del National Geographic Italia che mi ha accompagnato nella realizzazione di questo lavoro. Una domanda pertinente e interessante.

In effetti non avevo necessità, in quel momento, di fare un libro né avevo mai pensato di farlo. Ma a questo progetto lavoravo da anni e con estrema tenacia. Viaggi in tutta Italia mi avevano avvicinato alle difficoltà, al dolore e alle speranze di persone che avevano deciso di inserire la cannabis nel loro piano terapeutico, nonostante gli ostacoli nell’utilizzarla “legalmente” in Italia. Ho sentito il dovere di restituire loro un’esistenza oltre le loro case, oltre la loro realtà quotidiana. Lo strumento fotografico era diventato testimone di tante realtà e dovevo trovare un modo per raccoglierle e farle pronunciare”…

Per leggere e vedere le foto di tutte storie incontrate in questo viaggio si può acquistare il libro al link qui sotto o chiederlo in libreria